Collina di Petrín: Cosa Vedere e Come Arrivare

Aggiornato il:

collina di petrin

La collina di Petrin è uno dei luoghi simbolo di Praga ed è considerata una delle migliori aree della città per rilassarsi ed entrare in contatto con la natura. Situata a ovest del Piccolo Quartiere, raggiungendo la cima della collina si arriva a un’altezza di circa 300 metri sul livello del mare.

In questo approfondimento daremo le principali informazioni sulla collina di Petrìn, parlando della sua storia e delle attrazioni di maggior interesse che si trovano lungo il percorso o nelle vicinanze. Vedremo poi il costo dei biglietti, gli orari di apertura e come fare per raggiungere la più grande area verde della capitale della Repubblica Ceca.

La storia della collina di Petrin

La storia della collina di Petrin è interessante da conoscere. Le prime testimonianze scritte riguardanti questa collina sono datate 1108: durante questi anni la collina era stata scelta come luogo di decapitazione dei membri della famiglia Vršovec.

Inizialmente a questa collina ci si riferiva con il nome tedesco Laurenzberg, scelto perché in quest’area sorgeva la cappella in onore di San Lorenzo. A partire dal XVII secolo si è passati al nome Petrin, parola che probabilmente deriva dal latino petrus (a indicare le rocce).

la torre di petrin d'inverno

Durante il medioevo si prese la decisione di coltivare quest’area per sfruttarla al meglio. Il bosco venne dunque progressivamente ridotto, per lasciare spazio alla creazione di aree dedicate a colture di vario tipo e a numerosi vigneti.

Nel XIV secolo venne avviata la realizzazione del muro della fame per volere di Carlo IV. La realizzazione di questo muro (lungo 1178 metri e alto 7,5-8 metri) diede a molti abitanti del luogo la possibilità di lavorare. Oltre che per lo scopo sociale, Carlo IV investì sulla realizzazione di quest’opera per avere un’ulteriore linea di difesa per la città. A partire dal 1980 sono stati finanziati dei lavori di ristrutturazione per il muro della fame. L’obiettivo è preservare quest’opera, cercando di riportarla ove possibile all’aspetto originario richiesto da Carlo IV.

Cosa vedere sulla collina di Petrin

La collina di Petrin non è un’area verde come tutti gli altri parchi, ma luogo che consente di immergersi in diverse attività e visite lungo il percorso. Scopriamo insieme cosa vedere sulla collina di Petrìn e come organizzare la propria giornata. Nello spostarsi tra i vari punti di interesse consigliamo di fare una passeggiata nel giardino di rose, uno dei giardini più belli della città.

La funicolare di Petrín

la celebre funicolare di petrin

La funicolare di Petrín non è solo il mezzo di trasporto più veloce per raggiungere la cima della collina, ma è diventata un simbolo della città e un’attrazione per i turisti. La lunghezza complessiva della tratta coperta dalla funicolare è di 510 metri: durante il tragitto i viaggiatori potranno iniziare ad ammirare la collina da un punto di vista esclusivo.

Il costo del biglietto contenuto e l’elevata frequenza di corse (ogni 10-15 minuti) rendono la funicolare molto comoda. Chi non vuole rinunciare a passeggiare può decidere di fare solo mezza tratta in funicolare e di completare il percorso a piedi.

La torre panoramica

la torre panoramica di petrin

Sulla cima della collina è stata eretta la torre panoramica, conosciuta anche come la piccola torre Eiffel. La torre ha un’altezza di 63,5 metri e ai visitatori viene data la possibilità di osservare la città dall’alto raggiungendo l’apposito ballatoio e di fare delle foto mozzafiato. Per raggiungere il punto panoramico si dovranno salire 299 gradini, o in alternativa scegliere di sfruttare l’ascensore.

L’osservatorio

Sulla collina sorge anche l’osservatorio astronomico Stefanik, che dà la possibilità ai visitatori di allargare i loro orizzonti e di lasciarsi estasiare dalle bellezze del nostro universo. L’osservatorio è accessibile sia nelle ore diurne che durante la sera.

Il biglietto di ingresso all’osservatorio astronomico ha un costo di 90 CZK. Sono previsti ingressi ridotti a 65 CZK e anche ticket famiglia a 250 CZK. Talvolta vengono organizzate delle attività speciali, in concomitanza delle quali il costo del biglietto potrebbe essere più alto.

Il labirinto degli specchi

Il labirinto degli specchi è un’attrazione in grado di far divertire adulti e bambini. Si tratta di un labirinto realizzato con numerosi specchi che distorcono l’immagine in vario modo, per una passeggiata divertente tra le varie forme che i corpi dei visitatori assumono.

Per accedere è necessario acquistare il biglietto al costo di 90 CZK. Il biglietto ridotto è venduto a 65 CZK, mentre l’opzione ingresso famiglia ha un costo di 250 CZK. L’ingresso del labirinto degli specchi si trova vicino alla torre panoramica e si presenta con le sembianze di un castello.

La caverna magica

Praga è una città in cui il culto dell’esoterismo è ancora vivo e la caverna magica ne è un emblematico esempio. Si tratta della galleria d’arte ideata e realizzata dall’artista Reon Argondian, che ha voluto creare un luogo unico e suggestivo in cui poter esporre le sue opere.

La casa-museo dell’artista sorge tra i boschi della collina di Petrin. Entrando in questa grotta magica i visitatori potranno immergersi in un mondo fantastico e potranno lasciarsi trasportare dalle opere psichedeliche dell’artista.

Biglietti e orari di apertura

La torre panoramica può essere visitata acquistando il biglietto. Il costo del ticket è di 120 CZK, sono previsti comunque dei biglietti ridotti a 65 CZK per bambini e anziani e degli ingressi famiglia a 300 CZK. Nel caso in cui si decidesse di sfruttare l’ascensore per evitare i 299 gradini sarà necessario integrare il costo base del biglietto con un sovrapprezzo di 30-60 CZK.

Per quanto riguarda la funicolare, la tratta complessiva è lunga 510 metri e sono disponibili corse ogni 10-15 minuti. La funicolare è attiva nella fascia oraria 9.00—23.30 nel periodo aprile—ottobre, mentre nei restanti mesi dell’anno è attiva dalle 9.00 alle 23.20.

Il prezzo del biglietto per la funicolare è di 32 CZK e ha una durata di novanta minuti. È possibile optare anche per il biglietto da trenta minuti, venduto a 24 CZK. Sono disponibili sconti per i bambini 6-15 anni e per gli anziani 60-65 anni: 16 CZK per il ticket da novanta minuti e 12 CZK per il biglietto con mezz’ora di validità. I turisti che hanno richiesto la Prague Visitor Card possono usare la funicolare gratuitamente e senza limiti.

Come arrivare sulla collina di Petrín

Il metodo più veloce e comodo per raggiungere la collina di Petrín è senza dubbio il trasporto pubblico grazie alla funicolare. Inaugurata nel 1891, è diventata negli anni un punto di riferimento sia per gli abitanti della zona che per i milioni di turisti che visitano Praga.

Il punto di partenza della funicolare è a Ujedz e la destinazione finale è la torre panoramica di Petrín. Oltre che al capolinea, è possibile scendere a Nebozízek: questa fermata intermedia consente di fare una parte del percorso in funicolare e una piccola passeggiata per raggiungere a piedi la cima della collina.

Chi preferisce invece camminare può scegliere di raggiungere la cima della collina di Petřín a piedi. Durante questa semplice arrampicata consigliamo di fare una sosta alla statua di Karel Hynek Mácha, uno dei più famosi e apprezzati poeti della Repubblica Ceca. Tra le sue composizioni una delle più note è la poesia Màj (Maggio).

Questa statua è diventata uno dei simboli della città ed è apprezzata anche dagli abitanti del luogo. Il primo maggio si celebra in Repubblica Ceca la festa dell’amore ed è un rito per gli innamorati raggiungere la statua per festeggiare l’unione con la propria dolce metà.

Cosa vedere nelle vicinanze